Comunicazione

“Eppur si muove! Anzi, cambia con la Voce” di Andrea Bordin

Le esperienze positive che proviamo grazie alle emozioni indotte dal suono della nostra voce, possono modificare la struttura del nostro cervello, facendoci diventare maggiormente abili nel generare felicità per noi e per gli altri.

Naturalmente tutto ciò vale anche al contrario quando con la nostra voce generiamo rabbia, nervosismo e apatia.

Tra le mie fonti più importanti per lo sviluppo del metodo NeuroVoiceColors® dopo la morte di Ciro Imparato, c’è stato senza dubbio il libro “la vita emotiva del cervello” di Richard Davidson, la cui premessa è

“il cervello non è statico e immutabile”

Per interi decenni i neuroscienziati hanno ipotizzato che il cervello adulto fosse essenzialmente inalterabile nella forma e nel funzionamento.
Oggi sappiamo che questa immagine di un cervello statico e immutabile è sbagliata.

Al contrario, il cervello possiede una proprietà chiamata neuroplasticità, ossia la capacità di cambiare la propria forma e il proprio funzionamento anche in maniera significativa.
Questi cambiamenti possono avere luogo in risposta alle esperienze che viviamo ma anche in risposta ai nostri pensieri e alle nostre intenzioni.

Ormai tutta la comunità scientifica sostiene che il nostro Stile Emozionale, cioè l’insieme di emozioni che proviamo più spesso, è il risultato di circuiti cerebrali che si sono definiti nei primi anni di vita sulla base dei geni ereditati dai genitori e delle esperienze che abbiamo vissuto soprattutto durante l’infanzia.

La cosa sbalorditiva che Davidson ha dimostrato attraverso la risonanza magnetico funzionale, è che possiamo cambiare intenzionalmente il cervello attraverso la sola attività mentale, che può variare in una infinità di forme purché siano rivolte a stimolare stimoli percettivi (detti pattern), capaci di procurarci emozioni piacevoli.

È proprio per questo motivo che la Voce che usiamo per parlare, influenza la modificazione del cervello (paradossalmente non solo quello di chi parla) sia nel bene che nel male.
Avere la possibilità di decidere quali emozioni vogliamo provare e la capacità di generarle per noi stessi e per chi ci ascolta mentre parliamo, rappresenta una abilità molto importante del nostro cervello affinché, per la qualità di ogni singolo momento della nostra esistenza, la nostra vita sia la migliore possibile.

È proprio da qui che inizia la trasformazione della personalità che nel metodo NeuroVoiceColors® da me sviluppato, definiamo con il termine di Personalità a Colori.

Da Voce come semplice strumento comunicativo, a stimolatrice della neuro-plasticità cerebrale per l’evoluzione dell’individuo. La tua Voce può facilmente procurati proprio quegli stimoli percettivi che renderanno il tuo cervello maggiormente capace di procurarsi sempre più frequenti stati di benessere, fitti, fitti fino a farti sentire più in equilibrio con te stesso e incondizionatamente felice.

Questo impareremo a fare al prossimo evento formativo dal titolo “Il Suono della Voce”.

Link: https://www.neurovoicecolors.it/corsi/il-suono-della-voce-dal-vivo.htm

Segui il canale PODCAST di Andrea Bordin e non perderti nemmeno una puntata.

Articoli correlati

“Da timido a Premio Oscar della Comunicazione” di Andrea Bordin

La redazione

Sette strategie per assegnare la giusta priorità ai tuoi impegni

La redazione

Cosa si può ottenere grazie alla Marketing Automation

La redazione

Lascia un commento

Per offrirti un' esperienza di navigazione efficace il nostro sito utilizza dei Cookies. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo. Chiudi Trattamento dei dati personali