Storie di successo

Intervista a Andrea Cesaro, Silver Ambassador Evergreen Life

“Ciao Andrea, Benvenuto su Networker Magazine e grazie per condividere con tutti noi la tua esperienza nel mondo del Networker Marketing e le tecniche che stai utilizzando per raggiungere successi importanti.”

Grazie a voi per questa opportunità e poter condividere la mia storia che è iniziata 4 anni in Evergreen Life.

Quando hai iniziato 4 fa con Evergreen Life, come sei stato coinvolto? Con quali promesse? E come sei entrato attivamente in questa grande industria?

Prima di dedicarmi al Network Marketing mi occupavo di tutt’altro. Ero un consulente del lavoro, quindi un attività completamente opposta a quella del Networker Marketing, chiuso in un ufficio quasi tutto il giorno.

Qualche anno fa ho avuto un problema fisico che mi è stato risolto da un prodotto di questa azienda.  All’inizio ho creduto molto poco in quello che mi è stato raccontato, però ho detto proviamo perché l’alternativa era la medicina e ho verificato che nel giro di breve tempo il problema si era risolto. Da li ho iniziato a pensare che sarebbe stato fantastico far conoscere questo prodotto a chiunque, escludendo qualsiasi idea sul business.

Dopo un po di tempo la persona che mi ha fatto conoscere il prodotto mi ha presentato anche l’opportunità che ho colto al volo perché mi avrebbe portato via da quell’ufficio e da quella vita.

Guarda l’intervista integrale su Youtube

Oggi con quale leva riesci ad avvicinare a te le persone e coinvolgerle nelle attività?

Quello che io tento di fare, dicendo sempre la verità anche in maniera fastidiosa quasi più ad allontanare che avvicinare è veicolare l’idea che il Network Marketing è un lavoro a tutti gli effetti, una questione puramente imprenditoriale, perché si sta facendo impresa a tutti gli effetti. Faccio capire che nessuno è indispensabile e che io sto facendo una offerta perché ho visto in quella persona certe caratteristiche, mettendo dei paletti prima di entrare, aumentando il mio valore. Se dalle altre parti propongono le attività a tutti, noi facciamo tre colloqui di selezione.

Spesso mi faccio una grossa domanda sulla qualità delle persone che si inseriscono perché avere in squadra 200/300 persone, formarle, gestirle, farle crescere diventa molto difficile e porta ad un turnover pazzesco.

Fare tre colloqui e una selezione così specifica è un approccio tutto tuo che hai deciso di applicare al tuo business? Se si che risultati ti sta portando?

Assolutamente si, è una modalità operativa che adotto io per il mio team.

Cerco di spiegarti meglio come vedo questa opportunità e il Network Marketing.

Io vengo dal mondo dell’imprenditoria, perché comunque la consulenza del lavoro e la libera professione è imprenditoria a tutti gli effetti. Hai una azienda, devi gestirla, devi mandarla avanti, con i proventi devi sfamarci la famiglia, non cambia nulla e venendo da quella logica, io ero abituato quando facevo i colloqui per assumere un impiegata a seguire un certo iter, non potevo assumere il primo che capitava.

Se noi siamo imprenditori e devi assumere un impiegato o operaio, non vai in giro a correre dietro a tutti quanti dicendo ti prego vieni nella mia azienda ho bisogno di te. Nessuno si avvicina in questo modo perché ogni persona ha il suo interesse e se capisce e annusa che tu hai bisogno, il tuo potere viene meno.

Quello che è importante è far capire alle persone che è un lavoro molto serio, che 95 su 100 questo lavoro non lo sa svolgere almeno che non abbia già un passato da venditore, e che se vuole far parte di un determinato gruppo deve rispettare delle regole, c’è un iter, un modus operandi ben preciso, abbiamo un modello non solo di marketing ma proprio operativo.

Se noi vogliamo trasmettere che questo è un lavoro dobbiamo farglielo percepire per quello che è. Se io comincio a dire che possono guadagnare fin da subito, guadagneranno un sacco di soldi, il mega ambassador guadagna 10.000 euro al mese, e la forma mentis della maggior parte delle persone è lo stipendio da 1.300 euro al mese, inevitabilmente li allontano e iniziano i “ci devo pensare” “non lo so “ e tutte le obiezioni che ci sentiamo dire.

Guarda l’intervista integrale su Youtube

Io cerco di eliminare fin da subito le obiezioni.

In questo modo tu diminuisci e allo stesso tempo aumenti la qualità del tempo che vai ad investire sulle persone con la quali collabori e andrai a collaborare, giusto?

Pochi collaboratori, tanto tempo da mettere a frutto, maggiore qualità.

Se devo assumere una persona nella mia azienda ci penso un attimo prima di coinvolgere chiunque.

Se voglio che la mia azienda diventi prospera devo ragionare sulla qualità. Il mio ragionamento deve essere a lungo termine, a 3 e 5 anni, perché i primi mesi di attività di un nuovo inserito, se non ha la formazione prima di partire e avviarsi ci vuole un po di tempo. Quello che facciamo noi è capire nel tempo se è effettivamente la sua opportunità.

Se c’è un turnover altissimo, le persone o cambiano azienda o vanno via “schifate” dal Network Marketing.
Le prime prima o poi cambieranno ancora azienda perché danno le colpe sempre a quest’ultima e prima o poi molleranno definitivamente andando ad incrementare quel numero di persone che dicono che il Network Marketing sia una truffa.

Questo non accadrebbe se noi andassimo a reclutare solo le persone che meritano e che possono e vogliono avere una opportunità.

In che modo operi in questa grande industria? Quali sono i tuoi strumenti offline e online e come sei arrivato ad avere una qualifica importante nella tua azienda?

Io uso internet per il mio business, dove abbiamo un sito web, un gruppo facebook e whatsapp, ma come supporto all’attività offline. Il Network Marketing è vendita, e la vendita è cambiata oggi, c’è una concorrenza spietata. Se voglio avere successo in questa attività devo creare tutta una serie di materiali che agevolano la mia vendita.

Il Network Marketing è vendita e formazione di una rete vendita.

Ti sei dedicato ad una formazione più specifica sulla vendita?

Si, una formazione specifica che è fondamentale per un corretto approccio alla vendita. Altra formazione che ho seguito con attenzione è quello del Marketing a risposta diretta.

Guarda l’intervista integrale su Youtube

Che difficoltà hai incontrato in questo settore?

Ad un certo punto la lista nomi è finita. Le risposte che mi venivano date erano molto generali. A quel punto mi sono fatto delle domande. Questo tipo di attività non è per tutti e bisogna avere determinate caratteriste. Io ho trovato la strada del Marketing formandomi tantissimo, studiando tantissimo e sentivo che esisteva un modo. Quando lo ho scoperto è stato amore a prima vista.

Si può fare Network Marketing anche senza la lista nomi, senza parlare a freddo in ascensore, in maniera veramente innovativa. In America è il pane quotidiano.

Il Network Marketing è una attività straordinaria con potenzialità straordinarie. Come tutte le cose va fatte con il cuore ma soprattutto con la testa.

Oggi nel Network Marketing c’è bisogno di più tecnica e meno cuore… perché il cuore c’è già. Ti dicono “devi crederci” ma se ho deciso significa che già ci credo!

Datemi degli strumenti… che non sia l’ascensore naturalmente. Se l’ascensore si blocca cosa fai?

Dotarsi di strumenti innovativi e che non sono necessariamente quelli online. Oggi l’online comincia ad essere saturo.

Quale è il tuo prossimo obiettivo e che consiglio ti senti di dare a chi sta muovendo i primi passi in questa industria e a chi lo sta facendo da un po di tempo però ancora non ha raggiunto i risultati sperati.

Il mio prossimo obiettivo è far crescere sempre di più Caesar Networkers facendolo diventare un modello e aprirlo a tutti coloro che vogliono fare Network Marketing in modo professionale e con il Marketing.

Per chi sta iniziando consiglio di andare con i piedi di piombo perché stai aprendo una impresa, darsi il giusto tempo senza correre e non fare il passo più lungo della gamba.

Bisogna studiare cosa è il Network Marketing e in modo approfondito cosa ci sta intorno e la vendita, quella professionale. Nel mondo tradizionale un apprendistato dura dai 3 ai 5 anni. Datevi il giusto tempo, 1 anno, 2 anni per studiare, praticare e utilizzate metodi innovativi e efficaci.

Per chi ancora non sta raggiungendo i risultati sperati, il mio consiglio è PENSARE con la propria testa e licenzia la propria upline.

Se non hanno risultati significa che qualcosa non sta funzionando.

Trova ispirazione anche in altro.

Articoli correlati

Intervista ad Angelica Enache

Roberto Carboni

Donne, le SuperEroine nel Network Marketing del 2017. Silvia Gamberino

La redazione

Intervista a Stefania Lo Gatto, Doppio Diamante Jeunesse Global

La redazione

3 commenti

Avatar
Ornella 31 Marzo 2019 at 7:43 am

Grazie Andrea le Tua tenacia e perseveranza sono qualcosa di straordinario , Fieri dì essere in questa Squadra ciao Ornella D’Ambros

Rispondi
[VIDEO] INTERVISTA AD ANDREA CESARO - Caesar Networkers 1 Aprile 2019 at 2:04 pm

[…] Versione scritta: clicca qui […]

Rispondi
[VIDEO] INTERVISTA AD ANDREA CESARO – A WordPress Site 6 Ottobre 2019 at 12:43 pm

[…] Versione scritta: clicca qui […]

Rispondi

Lascia un commento

Per offrirti un' esperienza di navigazione efficace il nostro sito utilizza dei Cookies. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo. Chiudi Trattamento dei dati personali