Network Marketing

“Le 10 regole del Network Marketing che non puoi ignorare se vuoi avere successo” di Andrea Cesaro

Ognuno di noi tende, dopo un certo periodo trascorso a svolgere questo lavoro, ad acquisire un metodo personale, creato con l’esperienza, e che si basa su risultati certi.

Ciò però può accadere SOLO SE sono stati acquisiti ed assimilati dei concetti base del marketing.

Se stai leggendo questo articolo e stai pensando “L’esperienza vale su tutto”, ti avverto perciò che non ci siamo, ma proprio per niente, sai?

L’esperienza è una componente fondamentale di questa (così come di tutte le) attività, ma senza lo studio non conta poi molto.

Se ti mancano le basi ci metterai infatti molto più tempo a raggiungere certi obiettivi.

A meno che tu non voglia pensare in piccolo, in tal caso non so proprio cosa dirti, caro amico, se non che forse questo non è il blog adatto a te.

Fatta questa premessa, oggi porto alla tua attenzione quelle che secondo me sono le 10 REGOLE IMPRESCINDIBILI del Network Marketing.

Le basi, insomma, senza le quali non potrai andare molto lontano. Fai tue queste dieci regole, e personalizzale sulla tua esperienza lavorativa.

E non dimenticare che dovrai sempre affiancare lo studio.

Sempre.

Vuoi sapere quali sono? Eccole, divise per argomenti, tutte per te.

L’approccio al target

1. Cominciamo dalla modalità di approccio al target. Qualunque cosa tu faccia, non cercare di essere come tutti gli altri e non essere noioso. Trova modi creativi per essere diverso e distinguerti tra la folla. Se tutti quelli che lavorano nel Network Marketing adottano una certa strategia, non è detto che debba adottarla anche tu, anzi! Vai nella direzione opposta, fatti riconoscere e fa’ che la gente si ricordi chi sei.

2. Ti piace sparare nel mucchio o mirare la preda e colpirla con sicurezza quasi matematica? Certo, la metafora potrebbe essere un tantino forte per qualche anima bella, ma io li chiamo così: approccio da cecchino o approccio da mitraglia. Ti dico subito che, secondo me (e quindi puoi fidarti) l’approccio da cecchino è molto migliore rispetto a quello da fucile. Con l’approccio da cecchino infatti ti scegli un mercato di riferimento e ti concentri esclusivamente su quello e nessun altro. Con l’approccio a mitraglia prendi di mira tutti: spari nel mucchio, e non puoi sapere come ti andrà.

3. Restando in tema di target posso affermare con certezza che, prendendo in considerazione un numero di 1.000 individui, è preferibile targettizzarne 100 in dieci volte, piuttosto che inglobarli tutte insieme. In questo modo potrai infatti meglio segmentare le esigenze e i sottotipi, arrivando a poterne colpire tanti di più.

Gli obiettivi e gli strumenti

4. Il tuo unico obiettivo giornaliero dovrebbe essere il numero di nuove persone che aggiungi alla tua pipeline di vendita ogni giorno. E ricorda (del resto lo ripeto molto spesso nei miei articoli): la tua migliore fonte di nuovi clienti e distributori è costituita dai tuoi ex clienti e distributori. Resta in contatto costantemente con loro, sentili con frequenza, instaura con loro una relazione di fiducia.

5. Tra gli strumenti che hai a disposizione nell’attività di Network Marketing, il database è la risorsa aziendale più preziosa. Tieni allora un database, annotando tutte le persone con cui parli frequentemente sia dei prodotti sia dell’attività. Nell’arco di pochi anni, se sarai costante, vedrai che questo tuo archivio arriverà a contenere facilmente contenere da 5 mila a 10 mila nomi. Niente male, no?

6. Anche se fai marketing online, non trascurare mai, e dico MAI, l’offline. Le modalità e gli strumenti tradizionali possono infatti aiutarti tantissimo nelle integrazioni delle due modalità. Ricorda poi le tre M: il tuo Mercato, il tuo Messaggio e i tuoi Media. In altre parole: chi sono le persone che intendi raggiungere, cosa dirai per convincerle e con quali mezzi comunicativi le raggiungerai.

Il recruiting e la vendita

7. Reclutare (anche questo lo abbiamo detto tantissime volte) non è semplice, ma è un’operazione che può essere classificata come un’arte. Si tratta di un’attività che diventa molto più facile ed immediata quando impari a fare marketing sul serio ed ottieni potenziali clienti che ti cercano per primi. Sono loro a venire da te prima che tu vada da loro. Ecco perché è fondamentale non smettere mai di studiare e di imparare. Studia marketing e lead generation come se la tua vita dipendesse da questo. Non dovranno esistere feste comandate, ricorrenze o altre scuse. Riposati quando sei stanco ma poi ricomincia più e meglio di prima.

8. Non smettere mai di seguire i tuoi prospect ed insisti in strategie mirate ed integrate di marketing (anche mixando quelle di marketing tradizionale a quello di Network). Fermati solo quando il tuo marketing non produce un flusso costante di leads.

9. Regola semplice semplice ma sempre valida. È più facile vendere un prodotto o un servizio a qualcuno che ha già acquistato un prodotto o servizio simile piuttosto che convincere qualcuno a creare una nuova abitudine di spesa. Sembra la scoperta dell’acqua calda, eppure molti ancora si ostinano a voler vendere a chi non mostra propensione verso un certo determinato prodotto o servizio!

10. L’ultima regola, infine, ha a che fare con la tua capacità di organizzazione. A questo proposito ti dico che dovresti avere un piano di marketing scritto per la tua attività che delinei tre punti essenziali: il tuo mercato di riferimento, il budget di marketing e le attività di marketing quotidiane. È poi fondamentale concentrarsi su due o tre strategie di marketing al massimo, piuttosto che cercare di fare troppe cose contemporaneamente. Questo fatto non devi mai sottovalutarlo.

Potrei dirti che se segui queste 10 regole nella tua attività di Network Marketing la tua strada si semplificherà in maniera considerevole. In realtà queste 10 regole costituiscono il punto di partenza del tuo lavoro, da cui non puoi proprio prescindere. Dovrai in seguito farle tue, personalizzarle ed adattarle volta per volta a qualsiasi situazione ti si presenti.

Articolo di Andrea Cesaro, Caesar Networkers

Articoli correlati

Perché il pensiero positivo è essenziale per una comunicazione efficace, di Alessandro Ferrari

La redazione

Ecco perché gli ordini automatici dei clienti faranno crollare i tuoi punti volume totali di gruppo di Andrea Cesaro

La redazione

Zoom Call: Come Utilizzare il Linguaggio del Corpo per Impressionare e Conquistare! di Alessandro Ferrari

La redazione

Lascia un commento

Per offrirti un' esperienza di navigazione efficace il nostro sito utilizza dei Cookies. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo. Chiudi Trattamento dei dati personali