Comunicazione

La tua voce ti aiuterà di Andrea Bordin

Sono trascorsi 16 anni dalla mia prima esperienza di Network Marketing e la ricordo con piacere per ciò che ha significato per la mia carriera professionale negli anni successivi.

Lì ho iniziato a credere nel Kaizen, nell’importanza cioè di crescere personalmente, acquisendo nuove attitudini e nuove conoscenze in modo costante.

Posso asserire che molto probabilmente non sarei la persona che oggi sono, se non avessi avuto la possibilità di provare quell’esperienza, che così tanto mi ha arricchito, non tanto nel portafoglio ma quanto come persona.

CREDIMI, QUESTO VALE MOLTO DI PIÙ DELLA RICCHEZZA ECONOMICA.

Posto che si operi in un mercato interessante, con un servizio o un prodotto buono, con un sistema efficiente, e che il tutto sia condito da principi etici inequivocabili, il Network Marketing è secondo me uno dei migliori strumenti di business attualmente disponibili.

Beh, ne parla anche Robert Kiyosaki nel suo libro “Il business del 21° secolo” e nel più famoso “Padre ricco e padre povero”.

Quello che è certo è che, mai come nel Network Marketing, per avere successo bisogna sbattersi un bel po’ in cambio di ottime probabilità di avere grandi successi in tempi mediamente più brevi che in qualsiasi altro sistema di business.

Questa possibilità di accelerazione esiste per il semplice motivo che l’effetto moltiplicatore del sistema Network Marketing si fonda, oltre che sulla perseveranza del networker, soprattutto sulle sue grandi capacità relazionali.

Come sempre, ma nel Network Marketing ancora di più, la parola chiave è quindi RELAZIONE. Ecco perché molti networker non ottengono il successo sperato.

Non è da tutti infatti essere bravi comunicatori, avere grande capacità persuasiva, oltre che saper gestire l’obiezione, il disaccordo, la diffidenza, coniugando il tutto in una spiccata dote da leader.

A questo punto so cosa stai pensando: “Io non ho tutte queste doti e quindi sono fuori dai giochi. Meglio se lascio perdere”. Fermo là, non ti avvilire così presto e cerca piuttosto di capire che cosa puoi fare per migliorare.

La mia storia forse ti può ispirare

Fino al 1999 ero timido e un po’ introverso, nonostante avessi una mia azienda e per professione fossi costretto a relazionarmi con molte persone ogni giorno.
Per darmi un po’ di tono e una immagine la più carismatica possibile, mantenevo sempre uno sguardo corrucciato, da vero “uomo duro”, sai quello che “non deve chiedere mai”? Lui! Ero convinto che essere carismatici e seri professionisti corrispondesse a non sorridere e così mi facevo bastare quel po’ di vita sociale che questo mio modo di essere mi permetteva, convinto del fatto che fosse il massimo ottenibile.

NON AVEVO CAPITO NULLA!

Soprattutto non avevo capito che nel business e più in generale nella vita, ciò che fa la differenza è sempre la tua capacità relazionale.

Grazie al Network Marketing e alla formazione che ho ricevuto, ho cominciato a capire che era molto più semplice affrontare il mondo con un sorriso; che le persone sarebbero state molto più inclini ad avere buone relazioni con me se io mi fossi posto nei loro confronti con un atteggiamento più accogliente. Da lì cambiò il mio modo di essere e non smisi più di studiare e formarmi, di investire su di me.

Da lì iniziò una brillante carriera da manager fondata su una grande leadership che tuttora i miei collaboratori e tutte le persone con le quali intrattengo relazioni d’affari, mi riconoscono.

Pensa che oggi tengo anche corsi proprio per insegnare alle persone ad avere le migliori relazioni possibili con gli altri, usando la propria voce come principale mezzo per veicolare le migliori emozioni.

Articoli correlati

Comunicazione Efficace

La redazione

La sfumatura di una comunicazione di Janira Pacione

La redazione

Video Public speaking di Chiara Alzati

La redazione

Lascia un commento

Per offrirti un' esperienza di navigazione efficace il nostro sito utilizza dei Cookies. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo. Chiudi Trattamento dei dati personali