Motivazione

Ti stai ponendo le domande giuste?

DOMANDE GIUSTE CREANO RISPOSTE EFFICACI!

Se stai cercando dei nuovi punti di vista per affrontare una situazione/sfida lavorativa che ti sta molto a cuore, troverai molto utile il “Question Burst Exercise

STEP 1: fase di preparazione all’esercizio

Scegli una sfida lavorativa che devi affrontare, una questione che al solo pensarci ti aumenta il battito cardiaco o ti sembra impossibile da superare.

Invita un piccolo gruppo di persone che possano aiutarti a considerare questa questione da una diversa angolazione.

Portare altre persone in questo processo ti darà una conoscenza più profonda del problema e ti aiuterà a mantenere un approccio mentale aperto e costruttivo.
Coinvolgi anche 2-3 persone che sai essere molto lontane dal tuo modo di pensare. Queste persone potrebbero elaborare delle domande efficaci e convincenti che a te non sarebbero mai venute in mente.

Prenota il tuo posto: Tony Robbins Workshop Preview 15 e 16 Giugno 2019 Roma

Spiega in 2-3 minuti la questione/sfida che ti trovi ad affrontare. Sarebbe un peccato influenzare i loro pensieri con dei preconcetti, poiché in questo modo invaliderai l’intero esercizio, senza averne benefici.

Spiega ai partecipanti le due regole che stanno alla base di questo esercizio:

  1. le persone possono contribuire SOLO facendo domande, senza offrire soluzioni
  2. non sono ammessi preamboli che in qualche modo potrebbero influenzare le persone nel loro ragionamento.

A questo punto rifletti un attimo sui sentimenti che stai provando in questo momento: sono positivi, neutri o negativi? Scrivi queste sensazioni su un foglio. Farai di nuovo questa operazione a fine esercizio.

STEP 2: fase di elaborazione delle domande

Stabilisci 4 minuti per fare un brainstorming sulle domande da farti. Non è permesso rifiutarsi di rispondere alle domande; ogni domanda è un valido contributo alla risoluzione della questione.

Chiedi ai partecipanti di controllare che tu mantenga fede alle domande senza, anche inconsciamente, modificarle. Mentre scrivi aggiungi anche le tue domande.

Una volta che il tempo è scaduto controlla nuovamente le tue emozioni: sono positive, negative o neutre?

Ora ti senti più positivo sulla tua sfida da affrontare? Se non è così prova a rifare l’esercizio o ripetilo domani o riprova con altre persone. Ricorda che questo esercizio non solo fa emergere nuove domande, ma dovrebbe fornire emozioni positive/di fiducia, in modo da avvicinarti alla soluzione del problema.

STEP 3: esamina le domande

Rielabora le domande che hai scritto. Scegli quelle che ti colpiscono di più, perché magari molto distanti dal tuo modo di pensare.

Esamina ogni domanda sotto questi punti di vista: ti è mai stata fatta prima, è una domanda per la quale onestamente non hai una buona risposta, è una domanda che evoca una risposta emozionale positiva o negativa?

Metti da parte quelle domande e considerazioni che potrebbero farti sentire più a tuo agio o che sono più facili da mettere in pratica e focalizzati invece su soluzioni a cui non avevi pensato.

Elabora un nuovo piano d’azione: cosa hai intenzione di fare concretamente nelle prossime 3 settimane per trovare delle potenziali soluzioni che ti sono state suggerite dalle nuove domande?
Questo esercizio aiuta le persone a riconquistare l’energia perduta, a riformulare le sfide in un nuova ottica e a scoprire nuove soluzioni per raggiungere risultati positivi ed efficaci.

Prenota il tuo posto: Tony Robbins Workshop Preview 15 e 16 Giugno 2019 Roma

Fonte: Hi-Performance partner Networker Magazine

Articoli correlati

Dare prima di ricevere di Gianluca Spadoni

La redazione

Gioco di Squadra di Riccardo Pittis

La redazione

La leadership è uno sport estremo. Quanto sei allenato?

La redazione

Lascia un commento

Per offrirti un' esperienza di navigazione efficace il nostro sito utilizza dei Cookies. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo. Chiudi Trattamento dei dati personali