Comunicazione

La sfumatura di una comunicazione di Janira Pacione

Vorrei portare un accento di riflessione su una sfumatura dell’arte di comunicare. Ciò che leggerai nelle prossime righe è semplicemente frutto di formazione ma soprattutto pratica svolta sul campo della vita e del lavoro ogni singolo giorno ed è anche la somma degli errori commessi, grazie ai quali sono arrivata alle seguenti conclusioni.

Comunicare è apparentemente l’azione più spontanea che l’uomo dovrebbe essere in grado di compiere perché la sua stessa essenza protende verso le relazioni con interpersonali e guai se così non fosse in una società quale quella odierna.

Ma che significa comunicare? E soprattutto come possiamo comunicare al meglio?

Etimologicamente comunicare significa stabilire una relazione tra qualcuno e qualcosa, stabilire un contatto tra chi ascolta e chi rivela informazioni.

Chi informa ha una propria opinione che trasmette con il linguaggio ma anche con il proprio comportamento, i gesti e il carisma.

Chi ascolta ha pure una sua opinione, occhi e orecchie con i quali percepisce, non ascolta o vede soltanto e ha un proprio istinto.

Entrambi dal canto proprio comunicano, l’uno ciò che trasmette, l’altro ciò che recepisce.

Anche quando due persone o una delle due afferma di non riuscire a comunicare con l’altro in realtà stanno trasmettendo l’uno all’altro solo che emerge qualcosa di diverso da quanto desiderato … dunque la conclusione di non riuscire a entrare in relazione.

QUAL È LA SFUMATURA?
Accertarsi sempre che i contenuti della nostra comunicazione, arrivino intatti e immuni da distorsioni di comprensione da parte di chi riceve. Questo è alla base di fraintendimenti che rendono una comunicazione inefficace.

Accertiamoci sempre che il messaggio arrivi con il significato che noi gli attribuiamo e non con un significato difforme.

COME?

  • Facendo domande.
  • Chiediamo conferma.
  • Formuliamo in forma interrogativa il concetto espresso per verificare che l’interlocutore abbia compreso e attendere la risposta.

Se questa apparirà diversa dalle nostre aspettative, vorrà dire che la comunicazione non è stata efficace e bisognerà insistere in altra forma sulla circostanza senza farlo percepire all’altro e questo fino a quando non avremo avuto il feedback che vogliamo. Inutile sarebbe andare avanti.

Sprechereste le vostre preziose energie ma questo anche per capire se è il caso di proseguire con la medesima persona o è meglio cambiare direzione.

Un consiglio: a volte è necessario dimenticare la propria opinione per evitare di entrare in conflitto con l’altro.

Bisogna ricordarsi che una discussione vinta è una vendita o una sponsorizzazione persa nella maggioranza dei casi.

Non arrabbiamoci, non alteriamoci, dimentichiamo di avere ragione anche quando è una realtà inconfutabile.

Il nostro compito è fare domande per capire: CHI DOMANDA COMANDA.

Ascoltare molto evitando di pensare con il proprio parametro e comprendere chi abbiamo di fronte, cosa pensa, cosa vuole, che esperienza pregressa ha e cosa non vuole sentirsi dire.

Cerchiamo di capire i suoi bisogni sempre facendo domande ed evitando di rispondere per lui o suggerirgli risposte se lo vediamo in difficoltà. Il silenzio, pone l’interlocutore , nella necessità di interrogare se stesso per dare una risposta.

Prima di trasmettere, cerchiamo di capire cosa la gente vuol sentirsi trasmettere.

Altro consiglio: leggete molto sull’argomento e mettete tanto in pratica. Sbagliate tanto ma provate per poter imparare prima possibile.

Articoli correlati

La tua voce ti aiuterà di Andrea Bordin

La redazione

Fai crescere la tua rete, usa l’ipnosi! di Marco Valerio Ricci

La redazione

La peggior convinzione del mondo di Paolo Borzacchiello

La redazione

Lascia un commento

Per offrirti un' esperienza di navigazione efficace il nostro sito utilizza dei Cookies. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo. Chiudi Trattamento dei dati personali