Network Marketing

L’errata percezione dei nuovi Networkers di Roberto Pulsoni

Sin da piccoli ci hanno abituato a pensare che per poter ottenere alti guadagni mensili BISOGNA DIVENTARE “QUALCUNO”, forse un medico, un avvocato, un ingegnere, un manager, un calciatore, un cantante ecc.

E di fronte alla domanda: “Quanto tempo pensi che si dovrà investire nella propria formazione per diventare quel tipo di persona?” la maggioranza risponderebbe sicuramente che ci vuole impegno, sacrifici, anni di studi universitari o anni di allenamenti specifici in quella determinata disciplina, sportiva o artistica che sia.

Risposta logica: NON SI DIVENTA UN PROFESSIONISTA SENZA PRIMA PASSARE PER UN PROCESSO DI FORMAZIONE SPECIALISTICO.

Ricordo gli anni accademici in cui i miei colleghi di Facoltà affermavano con ferma convinzione che la laurea in legge non sarebbe bastata per diventare un avvocato affermato, ci sarebbe voluta anche la Scuola di Specializzazione (altri 2 anni ed altri investimenti) e poi seguire un iter di praticantato (ovvero altri 2 anni ancora e non retribuiti!) presso un studio legale per apprendere i reali “strumenti del mestiere” che all’Università non ti insegnano.

“MA È GIUSTO COSÌ, È COSÌ CHE FUNZIONA” dicono.

Lo stesso vale per qualsiasi altra attività professionale.

Solitamente “l’itinerario del viaggio” è:

  • formazione
  • apprendimento delle abilità
  • avvio dell’attività
  • guadagni proporzionali ai risultati ottenuti.

Spesso succede anche per un’attività dipendente: immagina di iniziare a lavorare in un call-center, solitamente si ha necessità di 1-2 giorni di formazione previa, se inizi a lavorare in un fast-food idem e potrei continuare.

La cosa scioccante è vedere ogni giorno tante persone, tutte abituate a fare questi tipi di ragionamento, stravolgere completamente le proprie convinzioni quando si parla di Network Marketing.

Vero è che si tratta di una prospettiva di lavoro totalmente diversa da quelle che ci hanno inculcato da bambini, ma non cambia assolutamente l’equazione che, per brevità, semplificherò come segue:

FORMAZIONE+APPLICAZIONE+COSTANZA = RISULTATO

Sono troppi i networkers che avviano la loro attività con un’energia devastante, spesso animati ed ispirati dal raggiungimento delle grandi somme di denaro mostrate dal presentatore di turno … Purtroppo, notando che dopo 2-3 mesi d’impegno non hanno ancora raggiunto un guadagno “accettabile”, si scoraggiano ed iniziano a rallentare, pensando che probabilmente non è un’attività per loro, che non sono portati, che c’è la “crisi”, che “guadagnano solo i primi”, che il prodotto non si vende, che c’è troppa concorrenza ecc.

MI CHIEDO: PERCHÉ PER OTTENERE GUADAGNI IMPORTANTI NEL MONDO TRADIZIONALE SAI BENE CHE DEVI PRIMA DEDICARE TEMPO A FORMARTI PROFESSIONALMENTE, MENTRE NEL NETWORK MARKETING dovrebbe ACCADERE TUTTO E SUBITO, COME PER MAGIA?

Su quale base una persona può ragionevolmente credere che in soli 2-3 mesi, con abilità minime, con ridotta esperienza di network, spesso con una reputazione di “businessman” tutta da costruire, possa comunque ottenere risultati economici pari a quelli di un professionista che ha fatto anni di sacrifici prima di diventare quello che è?

ECCO IL PUNTO: SPESSO SI CADE NELL’ERRORE DI SOPRAVVALUTARE CIÒ CHE SI È IN GRADO DI GENERARE NEL BREVE TERMINE, MENTRE SI SOTTOVALUTA CIÒ CHE SI POTREBBE REALIZZARE NEL MEDIO-LUNGO TERMINE.

Nelle 3 aziende in cui ho lavorato in questi 8 anni di Network Marketing ho notato che chi non ha abbandonato il business dopo i primi mesi (solitamente pieni di difficoltà, di rifiuti, di tempo speso e spesso anche di denaro investito) è poi riuscito a oltrepassare quel periodo duro, a “superare il valico”, con conseguente aumento esponenziale del proprio fatturato e una duplicazione rapida della propria organizzazione.

Bisogna superare quel muro di difficoltà iniziali, bisogna preventivarlo sin da subito e questo sarà compito dello sponsor o del sistema che adotta l’azienda, ti avviseranno sin dall’inizio e ti daranno tutti quegli strumenti necessari per resistere all’impatto, alla “tempesta perfetta” a cui inevitabilmente stai andando incontro dal momento in cui hai preso la decisione di entrare in questo “bello e dannato” mondo del Network Marketing!

Articoli correlati

Il design italiano nel Network Marketing. Intervista ad Antonio De Rosa

La redazione

L’incubo lista nomi di Janira Pacione

La redazione

L’etica nel Network Marketing

La redazione

Lascia un commento

Per offrirti un' esperienza di navigazione efficace il nostro sito utilizza dei Cookies. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo. Chiudi Trattamento dei dati personali